No al dialogo e alla collaborazione con i gruppi armati

 

Giovani, la mattina del 30 gennaio, si riuniscono davanti al primo ministro per dire no al dialogo e alla collaborazione con i gruppi armati