A quale gioco stanno giocando la comunità internazionale e le autorità centrafricane?

Bangui, Repubblica Centrafricana, martedì 29 dicembre 2020

La quasi totalità dei candidati pensa che le elezioni del 27 dicembre non siano state delle elezioni, ma piuttosto una vera e propria truffa politica. Le manovre della Missione di Stabilizzazione Integrata Multidimensionale delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana (MINUSCA) e l’autorità nazionale per le elezioni (ANE) non fanno che confermare le argomentazioni.

Le migliaia di elettori che si sono mobilitati in massa domenica per andare a votare si aspettano che le urne elettorali siano trasportate all’autorità nazionale per le elezioni (ANE). Ma la realtà è ben diversa.

Ora, provate a immaginare, a Bangui, la sede nazionale dell’ANE, che si trova a meno di 15 chilometri da alcuni centri elettorali, non ha ricevuto, dalla fine dello scrutinio di domenica, più della metà delle urne della capitale. Le forze della MINUSCA, accompagnate da alcuni agenti dell’ANE, hanno effettivamente trasportato le urne nella notte tra domenica e lunedì, ma la loro destinazione rimane sconosciuta. A grande sorpresa, solo una parte di queste urne inizia ad arrivare 24 ore più tardi, ossia il giorno successivo, presso la sede dell’ANE.

E non è tutto. Irregolarità nel trasporto delle urne si segnalano nell’ottavo e nel quinto arrondissement della capitale e a Berberati, capoluogo della prefettura di Mambéré-Kadéï.

A quale gioco stanno giocando la comunità internazionale e le autorità centrafricane?

https://corbeaunews-centrafrique.com/rca-elections-presidentielles-et-legislatives-des-soupcons-de-fraudes-massives/