Comunicato stampa Kwa Na Kwa

 

Il 3 Dicembre 2020 il partito politico Kwa Na Kwa (KNK), gruppo facente parte della Coalizione dell’opposizione democratica 2020, ha pubblicato un comunicato stampa relativo alla decisione della Corte Costituzionale di annullare la candidatura alle elezioni presidenziali del loro Presidente Fondatore Francois Bozize Yangouvonda.

Pur ribadendo la fragilità della motivazione della decisione della corte costituzionale basata su elementi privi di forza probante (mandato d’arresto internazionale emesso dalle autorità di frontiera, sanzione dell’ONU ecc…), Il KNK ha espresso una posizione responsabile guidata solamente dall’interesse superiore della Nazione, chiamando “le operaie e gli operai alla calma e alla moderazione” e chiedendo loro “di non cedere alle provocazioni, restando impegnati nella lotta democratica per il cambiamento della Repubblica Centrafricana”.

Malgrado questo richiamo alla pace, il potere del presidente Faustin Archange Touadera cerca in modo ostentato il confronto con il Presidente Francois Bozize Yangouvoda assente da Bangui e la cui residenza nel PK16 è stata accerchiata il 3 Dicembre 2020 da alcuni uomini della guardia presidenziale. Allo stesso modo, la residenza di Jean Francis Bozize nel PK11 è stata vandalizzata dalla guardia pretoriana del presidente Touadera e dalle milizie “squalo” da lui pagate, con episodi di arresti arbitrari di civili.

Queste agitazioni verso i membri dell’opposizione democratica si inseriscono in una logica di repressione intimidatoria alla vigilia delle elezioni previste per il 27 Dicembre 2020.

Queste azioni provocatorie del regime sembrano mirate a creare le condizioni propizie per una hold up elettorale contro la volontà del popolo centrafricano.

La coalizione dell’opposizione Democratica 2020 (COD-2020):

– esprime la sua solidarietà con il presidente Francois Bozize Yangouvoda a seguito dell’esclusione della sua candidatura dalle elezioni da parte della Corte Costituzionale
-ritiene il presidente Touadera responsabile dell’esclusione del presidente Francois Bozize Yangouvoda
-considera che il mandato d’arresto e le sanzioni emesse dall’Onu non costituiscano affatto condanne di tale natura da poter privare il presidente Bozize dai suoi diritti civili e politici
-condanna con rigore le azioni di persecuzione di cui è stato oggetto
-esige la cessazione immediata delle ostilità contro i leader e gli attivisti dell’opposizione democratica
-esige la liberazione immediata dei civili arbitrariamente arrestati al domicilio di Jean Francis Bozize
-richiama alla calma per preservare la pace sociale e la stabilità, perché si possano avere delle elezioni credibili e trasparenti
– il COD-2020 reitera la sua richiesta relativa allo svolgimento senza indugio della concertazione nazionale sotto gli auspici del Mediatore Permanente della CEEAC che si occupa della crisi centrafricana

Bangui, 6 Dicembre 2020

Per la Coalizione dell’Opposizione Democratica

Il Portavoce
Presidente ad interim

Nicolas Tiangaye